Skip to Menu Skip to Search Contattaci Italy Seleziona Paese e Lingua Skip to Content

La legge 30 dicembre 2018, n.145 di Bilancio per l’anno 2019, entrata in vigore il 1° Gennaio, proroga l’iperammortamento, misura fiscale del pacchetto 4.0, rivedendone le quote di maggiorazione e legandole all’ammontare dell’investimento.

La maggiorazione del costo di acquisizione degli investimenti si applica nella misura del 170% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro; del 100% per gli investimenti oltre 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro e del 50 % per gli investimenti oltre 10 milioni di euro e fino a 20 milioni di euro.

Non è prevista la maggiorazione del costo sulla parte di investimenti complessivi che eccede il limite di 20 milioni di euro.

 

Quando si applica la quota in vigore fino al 31.12.2018 e quando quella per il nuovo regime?

La risposta è funzione della data dell’ordine e del pagamento dell’anticipo del bene.

Il meccanismo di accesso al beneficio rimane invece invariato: è possibile quindi avvalersi dell’iperammortamento per tutto il 2019 con consegne dei beni fino al 31 dicembre 2020, a patto che entro il 31 dicembre 2019 sia stato accettato l’ordine del bene dal venditore e sia siano pagati acconti in misura pari almeno al 20% del costo di acquisizione del bene stesso.

Invariata anche l’obbligatorietà di produrre attestazione di conformità rilasciata da enti di certificazioni o perizia giurata rilasciata da ingegnere o perito industriale iscritto al relativo ordine professionale, per investimenti di importo superiore a 500.000,00 euro, secondo modalità e regole già specificate nelle circolari e risoluzioni di chiarimento pubblicate negli scorsi anni. 

Per chi acquista beni immateriali compresi nell’allegato B della legge di bilancio 2018, viene prorogata senza variazioni l’aliquota del 140%, purché l’impresa abbia effettuato investimenti iperammortizzabili.

La legge di Bilancio prevede inoltre che tale agevolazione sia estesa ai costi sostenuti a titolo di canone per l’accesso, mediante soluzioni di cloudcomputing, a beni immateriali di cui all’allegato B della medesima legge, limitatamente alla quota del canone di competenza del singolo periodo d’imposta di vigenza della disciplina agevolativa.

Approvata infine la proroga del Credito di Imposta per la Formazione 4.0 che potrà essere applicato anche alle spese di formazione sostenute nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2018.


Nessun rinnovo o proroga vengono stabiliti dalla legge invece per il superammortamento dei beni materiali “tradizionali”, agevolazione fiscale che pertanto non è più applicabile.

 

Le imprese che vorranno ricorrere agli incentivi del Piano di Industria 4.0 - per i beni aventi un costo superiore a 500 mila euro - dovranno presentare un Attestato di Conformità rilasciato da un Organismo di Certificazione accreditato.

 

SOLUZIONE

SGS ITALIA opera come ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO UNI CEI EN ISO/IEC 17020, UNI CEI EN ISO/IEC 17021 e UNI CEI EN ISO/IEC 17065 e grazie a tali accreditamenti può attestare che il bene acquistato possiede caratteristiche tecniche tali da poter essere inserito tra quelli indicati negli allegati A e B.

Soltanto gli impianti hi-tech conformi alle categorie previste dalla legge potranno usufruire degli sgravi fiscali.

 

SGS ITALIA in fase di rilascio di attestazione di conformità:

  1. Effettua un'Analisi Tecnica del bene di nuova acquisizione o sottoposto ad ammodernamento/revamping;

  2. Effettua una Valutazione Tecnica del contesto di impresa in cui viene installato e interconnesso;

  3. Redige una Relazione Tecnica del bene a corredo dell’Attestazione di Conformità nel rispetto delle circolari MISE n° 547750 del 15/12/2017 e n° 177355 del 23.05.2018.

Al fine di supportare l’impresa, azzerando i rischi connessi all’autocertificazione, SGS ITALIA rilascia Attestazione di Conformità su beni di qualsiasi valore nominale, puntualmente corredata da Relazione Tecnica.

 

Per maggiori informazioni: industry.italy@sgs.com

Sarà nostra cura informarvi su eventuali modifiche.

 

A proposito di SGS

SGS è l’azienda leader nel mondo per i servizi di ispezione, verifica, analisi e certificazione. SGS è riconosciuta come il punto di riferimento globale per la qualità e l'integrità. Con oltre 95.000 dipendenti, SGS gestisce una rete di oltre 2.400 uffici e laboratori in tutto il mondo.